Indirizzo culturale di riferimento del modello formativo

La terapia familiare nasce negli anni ’50 in America sul tronco vigoroso della psicoterapia psicoanalitica relazionale. In breve e molto schematicamente il discorso di Freud era stato elaborato già in precedenza da H.S. Sullivan all’interno di una teoria e di una pratica che mettevano l’accento sulla interdipendenza dei comportamenti umani e sulla necessità di lavorare a livello del contesto interpersonale di appartenenza per ottenere modificazioni significative di tali comportamenti.
Riportando le difficoltà di colui che sta male al qui ed ora della relazione in corso con i membri della sua famiglia e, più in genere, con i personaggi più significativi del suo universo personale, i terapeuti familiari centravano la loro attenzione sulle leggi che regolano il funzionamento dei sistemi umani in cui si determinano difficoltà di interesse psicopatologico e sugli effetti prodotti dalla comunicazione su colui che la riceve (pragmatica della comunicazione); verificando che la presenza di un comportamento di interesse psicopatologico corrisponde regolarmente ad una rigidità omeostatica del sistema interpersonale, ad un blocco della sua crescita e delle sue potenzialità, ad una perdita più o meno importante di libertà che riguarda tutti i suoi membri. Senza discontinuità necessaria con il discorso di quelli che, come gli psicoanalisti, si erano occupati soprattutto del significato da attribuire alla medesima comunicazione (semantica della comunicazione) sulla base di un lavoro centrato sulla esperienza del singolo. Proponendosi i due discorsi, dopo le inevitabili incomprensioni del primo periodo, come due discorsi complementari e in grado di arricchirsi reciprocamente all’interno di una situazione che spinge oggi i terapeuti familiari e gli psicoanalisti alla ricerca di una integrazione dei loro discorsi. Come è diventato particolarmente evidente nel campo complesso della formazione e della supervisione; l’importanza di un lavoro che tiene conto della dimensione personale del terapeuta appare ogni giorno più evidente, infatti, ai sistemici che lo avevano inizialmente messo fra parentesi al modo stesso in cui la dimensione sistemica dell’interazione che si stabilisce fra il terapeuta, il paziente designato e la sua famiglia o, in un’altra sede, fra terapeuta, supervisore e gruppi o contesto di supervisione appare sempre più chiara agli psicoanalisti più tradizionali.
Si può concludere su questo punto proponendo l’idea per cui la tradizione scientifica dei moderni terapeuti familiari fa riferimento prima di tutto alla lezione di Freud sul dinamismo psichico sottostante al manifestarsi del sintomo e, successivamente, alla riflessione sistemica sulla interdipendenza dei comportamenti. Caratteristicamente interdisciplinare nella presentazione delle sue giustificazioni teoriche, essa rappresenta in effetti una riformulazione moderna e complessa delle ricerche più importanti condotte nel corso del secolo, sulle origini o sul significato e sugli effetti della comunicazione fra gli esseri umani da una parte; sulle possibilità di intervenire modificando dall’altra.
Basata su queste premesse, la formazione del terapeuta familiare e sistemico, si propone come un processo di estrema difficoltà e complessità le cui finalità esplicite corrispondono, prima di tutto, alla maturazione personale dell’allievo che deve mettersi in grado di conoscere i modi, consapevoli e non consapevoli, con cui influenza, interagendo in loro, i comportamenti di chi chiede il suo aiuto; entrando in contatto necessariamente, per questa via, con la complessità del suo apparato psichico, con le modalità del suo funzionamento, con i meccanismi di difesa cui esso affida il suo equilibrio, con le esperienze che giustificano questo tipo di organizzazione personale. Diventa utile solo all’interno di un processo di questo tipo la acquisizione di tecniche che lo mettono in grado di formulare ipotesi sul dinamismo specifico della famiglia elaborando strategie di interventi capaci di sbloccare le relazioni interpersonali rigide variamente collegate allo sviluppo di una situazione di difficoltà di interesse psicopatologico.
Una caratteristica comune a tutti i sistemi umani complessi è infatti quella di “catturare” la percezione, il giudizio e il comportamento comunicativo di chi con essi interagisce: riattivando, più o meno rapidamente i suoi tentativi di introdurre elementi di novità e di cambiamento.

Il programma formativo che si è delineato all’ombra di tali esigenze nel corso di due decenni raccoglie esperienze venute da molti altri terapeuti e ricercatori e costituisce un contributo originale dei didatti del Centro Studi di Terapia Familiare e Relazionale. Organizzato su quattro anni di lavoro, esso propone un rinvio continuo fra l’esperienza vissuta del candidato e la elaborazione teorica del suo significato: collocando tale esperienza dapprima (primo anno) sul contesto del piccolo gruppo e successivamente (gli altri tre anni) in quello di una serie di terapie protette, in modo progressivamente meno ravvicinato, dalla presenza del supervisore.


Articoli correlati:
Storia e organizzazione attuale | Indirizzo culturale di riferimento del modello formativo | Tradizione scientifica di riferimento e contributo originale del centro | Società nazionali e internazionali di appartenenza | Attività culturali del Centro